martedì 15 marzo 2011

Survivors

Non riesco a non pensare ai 50 tecnici che stanno tentando di "domare" la centrale nucleare a nord di Tokio,saranno esposti comunque alle radiazioni , forse salveranno il paese ma la loro morte e' quasi sicura.

non riesco a non pensare all'anziana rimasta ad assistere il marito infermo  in una casa di uno sperduto paesino nel Giappone del Nord dove i soccorsi  ancora non son arrivati , tutt'intorno solo devastazione , tutti gli abitanti sono sfollati ma lei non vuole andarsene nonostante sia conscia del pericolo ed ,anzi, invita anche i giornalisti ad allontanarsi perche' sa che la successiva scossa potrebbe essere vicina e letale ma lo fa con una dignita' che mi ha commosso .

e, per fortuna, non riesco a non pensare al sessantenne Hiromitsu Shinkawa che e’ stato salvato da un cacciatorpediniere a 15 (quindici!!!!) chilometri dalla costa del nord-est del Giappone dopo aver “navigato”  in balia del mare per due giorni aggrappato al tetto di casa.

Ma proprio non riesco a capire  i (si fa per dire) "poveretti" che stanno paertecipando all'isola dei Famosi (???)  , si dovrebbe interrompere la trasmissione per solidarieta' ....ma forse e' meglio non pensarci...o no?



10 commenti:

EMMA ha detto...

Già... giusta contrapposizione!non ci resta che piangere!

VioletPussy ha detto...

Mi è sceso un brivido sulla schiena...Cosa dire allora di quelli al governo che hanno detto "In Italia si andrà avanti col nucleare..." La storia non insegna una ceppa,e la cosa mi terrorizza

Blog Surfer ha detto...

i nostri politici li avrei gia' inviati in vacanza premio in Giappone.

Sola andata.

Eva ha detto...

Non per nulla, sono "poveretti" loro e chi li lascia in onda. ...Che non è quella di dieci mt di venerdì.

Giando ha detto...

Il tuo post è davvero toccante.

A me hanno colpito molto le immagini di questa tragedia.
Credo ieri c'era l'immagini di una ragazza seduta tra le macerie. In lacrime.
La devastazione attorno a lei. Le gambe raccolte in grembo, lo sguardo nel vuoto.

Poi ho letto che Alemanno...Sindaco di Roma....ha posto il problema delle Olimpiadi assegnate al Giappone. Ma vi rendete conto ?

Antonia ha detto...

Ne parlavo proprio oggi con mio padre e mio fratello. Dicevo loro delle lettere che i tecnici, immolatisi per la causa, hanno inviato alle proprie famiglie, in cui scrivono: "Vi amiamo, andate avanti con le vostre vite, non possiamo tornare a casa".
Ecco come nasce un eroe.

Niente sorriso stavolta. Antonia.

ady happyborn ha detto...

oddio mio caro, si dovrebbero interrompere parecchie stronzate e questo non perchè ci sia stato il terremoto in giappone...i tuoi commenti sono sempre geniali, splendido quello che poi ci tradite con le bruttine!

`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`··.Giusy.·`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`· ha detto...

Come ti comprendo...e condivido tanto con te...immagini e situazioni toccanti e da brivido.
Siamo impotenti davanti a tanta tragedia...
Ti stringo..
P.S.Guarda che nel mio blog mica ti mangio?un saluto puoi anche farlo...
Un sorriso.

Silvia ha detto...

Non riesci a non pensarci, perchè tu hai un cuore grande.

Cristina_Se la mia vita fosse un telefilm ha detto...

Ah beh, allora non ne usciamo più! Hai sentito il prof De Mattei che dice che è tutto un castigo divino? Mavaff....